James

“...E fu così che James venne convocato al cospetto del re. Aveva già viaggiato così tanto. Era stanco e molto magro a causa del lungo digiunare, ma senza un lamento montò in groppa al suo fedele cavallo di legno e si recò a palazzo. Il re lo ringraziò: tu hai sconfitto il drago e hai salvato tutti noi da una fine orribile, disse posando sulle sue ossute spalle la cappa reale destinata agli eroi. Dimmi cosa vuoi e ti sarà dato continuò il re solennemente. James avrebbe voluto parlare, e tanto, ma non poteva. Non era un vero cavaliere, era solo un servo muto. E così tacque. Nel mondo delle fate qualcuno notò il suo sacrificio e di colpo una polvere sottile simile a zucchero a velo cominciò a piovere dal soffitto. Lentamente la gruccia di metallo si trasformò in un corpo completo di braccia e delle vere gambe comparvero sopra alla panchetta di legno. James sorrise rivolgendo lo sguardo al cielo. Tanto avrebbe voluto parlare, ma si accorse che le parole non erano sufficienti...”

“Marta, dai vieni! Quante volte ti devo chiamare per farti venire a mangiare?”
“Vengo, mamma. Vengo...”
In camera da letto come nello spogliatoio James si distingue, porta colore e praticità nelle tue giornate. I materiali di cui è composto sono acciaio e legno, i colori sono quelli di Officinanove. Se vuoi scoprire tutte le configurazioni di questa linea, ascolta il podcast!